News

MONDIALI CANOTTAGGIO U23, IL C.C. ROMA A POZNAN

Un Mondiale alla grande per l’Italia Under 23. A Poznan, in Polonia, sul Lago Malta, gli azzurrini hanno ottenuto tre ori, tre argenti e sei bronzi, per un totale di dodici medaglie, piazzandosi nel medagliere dietro soltanto agli Stati Uniti, primi con cinque ori, un argento e due bronzi, e dunque un bottino di otto medaglie. Dietro alla truppa italiana la Gran Bretagna, anch’essa a otto medaglie: tre ori, tre argenti e due bronzi.

Grande soddisfazione, dunque, nel clan azzurro, dove nello staff figurava il direttore tecnico del settore Canottaggio del Circolo Canottieri Roma, Bruno Mascarenhas, da quasi due anni tra i collaboratori federali per il settore Under 23 maschile allenato da Spartaco Barbo sotto la supervizione del d.t. Francesco Cattaneo. Tante le sorprese per Bruno, al quale è capitato tra l’altro di essere placcato da un tifoso sfegatato, cacciatore di autografi, memore della sua brillante carriera agonistica.

Un’altra bella sorpresa, accompagnata poi però da una brutta, l’incontro di Bruno con Andrei Nitu (in foto), uno degli atleti più interessanti del vivaio giallorosso che, dopo aver difeso brillantemente i colori del Canottieri Roma, è stato convocato all’appuntamento di Poznan dalla nazionale romena. Tante le speranze alla vigilia per il ragazzo, costretto però - e qui la brutta sorpresa – a dare forfait già nelle batterie del singolo pesi leggeri per via di un fastidioso infortunio alla schiena. La fortuna è cieca, ma la jella, si sa, ha proprio una vista da aquila…

A Piediluco, nel frattempo, fino a domenica, si tiene il pre-raduno della Nazionale junior in vista dei Mondiali di categoria in programma a Racice, in Repubblica Ceca, dall’8 al 12 agosto prossimi. Tra i convocati Giulio Acernese, che lo scorso anno, in Lituania, giunse quinto con l’ammiraglia azzurra.

Andrei, Giulio e il loro allenatore Bruno che li ha cresciuti e plasmati. Dai ragazzi tanti sogni, ma anche tanto impegno. Gli stessi sogni di un settore canottaggio in costante fermento, dai settori juniores fino ai master, per la soddisfazione del consigliere Giorgio Calò e del commissario Lorenzo Guido. I successi si costruiscono così.

Sei nella categoria: News.
Condividi questo articolo:
  • Print
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites

I commenti sono chiusi.